Menu Chiudi

Comune di Pessano con Bornago

Localizzazione: Pessano con Bornago

Il nome Pessano deriva forse dal nome di un proprietario fondiario Gentile romano o insubre romanizzato che ne possedeva i terreni, chiamato Pettius o Pettianus. Il nome Bornago potrebbe derivare, invece, da un altro proprietario Gentile di nome Burnus. Il Comune di Pessano con Bornago venne istituito nel 1870.

Stemma comunale

La desinenza latina anum è tipica dei paesi cristianizzati di origine romana (dopo il II secolo d.C.).

Il nome Bornago deriverebbe, invece, da un altro proprietario gentile di nome Burnus.

Potrebbe derivare anche da (paese bruciato) dal momento che il villaggio celtico bruciò e proprio per questo fu costruito il borgo (vicino) di Pessano.

Il comune di Pessano con Bornago venne creato nel 1870 dall’unione dei Comuni di Pessano e Bornago.

Il territorio intorno a Pessano con Bornago fu abitato dagli Insubri per almeno 500 anni prima della conquista romana della Gallia Cispadana.

Gli Insubri erano un popolo prevalentemente di allevatori e cacciatori (di cinghiali, cervi, uccelli, volpi e lupi).

I terreni disponibili erano poco produttivi dal momento che, essendo situati al di sopra della linea dei fontanili, non beneficiavano della tecnica dell’irrigazione né di quella della bonifica dei terreni paludosi.

Gran parte delle foreste di querce, betulle ed ontani furono disboscate per ottenere pascoli per il bestiame.

Pessano con Bornago conserva ancora oggi resti evidenti della centuriazione romana.

I romani suddividevano i terreni in quadrati di 710 metri per lato (uno jugero), cioè 50 acri.

Lo facevano a partire dal centro del paese lungo la linea del cardo, che si estendeva in direzione nord-sud, e il decumano (ovest-est).

Le strade che corrispondevano al cardo e al decumano erano rispettivamente la strata glarea e la strata terranea.

Una di queste, strata terranea, passava per il decumano di Bornago e collegava il paese a Bussero a ovest e a Gessate ad est (lungo l’asse via Guglielmo Marconi – via Martiri della Democrazia – via Kennedy).

 

Bibliografia

Cesare Cantù, Grande Illustrazione del Lombardo Veneto, Milano, 1857

 

Autore: Wikimedia
Numero scheda catalogo heritage: